CHI SIAMO

«Noi non siamo studiosi di certe materie, bensì di problemi. E i problemi possono passare attraverso i confini di qualsiasi materia o disciplina » [1].

Questa indicazione di Karl Popper ci sembra il modo migliore per definire il nostro lavoro all’interno del Core Lab, una comunità di ricerca formata da donne e uomini, esperti di diverse discipline, impegnati nel compito quotidiano di individuare soluzioni innovative da porre al servizio delle realtà civili, sociali ed industriali.

Per riuscire in questo compito, riteniamo che un approccio multidisciplinare che mette fianco a fianco interlocutori di saperi diversi non sia sufficiente. Ecco perché ci impegniamo in prospettiva interdisciplinare a praticare un effettivo dialogo tra saperi, non soltanto dal punto di vista teorico, ma anche attraverso una pratica fondata sull’ascolto reciproco, la valorizzazione delle differenze ed una comunicazione etica, basata sulle effettive esigenze dei nostri interlocutori.

Stare insieme, lavorare ogni giorno fianco a fianco, ci consente di affrontare l’innovazione, garantendo risposte efficienti ai bisogni specifici del mercato della ricerca.

La nostra aspirazione è di immaginare, studiare, progettare, costruire e portare sul mercato prodotti e servizi innovativi capaci di abilitare e guidare processi di innovazione socio-tecnica.

Le aree tematiche di nostra competenza spaziano dallo sviluppo di soluzioni ICT al technology management, dall’analisi organizzativa alle icheet applicate, dall’ingegneria dei processi allo studio dei sistemi complessi sociali ed organizzativi applicati in vari ambiti quali il manifatturiero, l’aerospazio, l’automazione, i trasporti, l’industria culturale, la smart factory ed il settore agroalimentare.

Abbiamo voluto che la nostra mission fosse simbolicamente richiamata fin dal logo del Core Lab. In esso, infatti, i diversi frammenti di colori diversi che scaturiscono da un centro rappresentano i nostri diversi saperi. Essi sono in grado di interagire insieme, non in modo confuso, ma coordinato, trovando proprio in tale sincronia il ritmo e le ragioni per andare verso l’esterno.

Significativamente, nella lingua italiana, il termine “Core” può riferirsi al cuore, l’organo che in termini metaforici esprime la passione per la vita. Ci sentiamo proprio così: appassionati sostenitori delle potenzialità della scienza, ma anche avvertiti che non tutto ciò che è tecnicamente possibile è moralmente lecito. Per questo, non smettiamo di coltivare in noi l’attitudine al dubbio ed uno sguardo critico sull’esistente.

Senza ingenuità, lavoriamo duro perché il sogno di realizzare un mondo migliore possa finalmente diventare una realtà.

[1] K.R. Popper, Congetture e confutazioni, Il Mulino, Bologna 1972, p. 118.

ULTIME NEWS

PARTNER