Project Description

  • Data di inizio : 20/01/2017
  • Data di fine : 19/01/2020
  • Durata (mesi): 36

ANTIDOTO bordo

  • Budget totale : € 217.500
  • Budget del laboratorio: 71,750 €

ANTIDOTE realizza un sistema per la diagnosi e il monitoraggio della Xylella Fastidiosa ( ) che, basandosi su competenze interdisciplinari, consente di identificare lo stato di alcuni parametri della pianta (xilema) e le condizioni geografiche (climatico-ambientali, territoriali-gestionali) che , isolatamente o combinate, possono caratterizzare, scatenare, favorire o accelerare le produzioni alla ei successivi sintomi di disseccamento.

Combinando il livello di pericolo (severità di invasione di Xf ), l’esposizione (es. la presenza di piante infette, accertate o sospette, adiacenti) e la condizione (predisposizione della pianta ad essere contagiata) il sistema aggregato informazioni utili alla definizione di tecniche preventive o curative adeguate. La Xf è un batterio aerobico che si moltiplica nei vasi conduttori dello xilema (linfa) delle piante ospiti occludendoli. E’ possibile notare, tra la pianta sana e quella malata, un’alterazione dei parametri legati al trasporto xilematico. Il monitoraggio ad alta frequenza di tali parametri, tramite l’utilizzo di un sistema integrato di sensori e un software IT capace di elaborare ed analizzare tali dati, offre informazioni circa la presenza del patogeno

  • Miglioramento ed ampliamento della conoscenza del complesso sistema di fattori, biotici ed abiotici, che, isolati o combinati, caratterizzano, scatenano, favoriscono e accelerano l’infezione da Xf e il conseguente CoDiRO grazie all’integrazione delle competenze interdisciplinari mediante Decision Support System .
  • Messa a punto, integrazione ed implementazione di sistemi di monitoraggio e previsione “customizzati” alla problematica della Xf , versatili, modulabili e scalabili per essere trasferiti verso la stessa problematica in contest diversi e/o verso problematiche simili nello stesso contesto.
  • Mappatura del rischio di disseccamento per le aree oggetto del monitoraggio, rischio dato dalla combinazione di tre informazioni specifiche: pericolo, esposizione e vulnerabilità.
  • Framework metodologico e tecnologico−informatico che, messo a disposizione degli utenti, sia privati che enti gestionali e decisori territoriali, fornisce un forte impulso per l’innovazione degli interventi di diagnosi, cura e prevenzione e dei relativi indirizzi pianificazione.

Il CORE Lab è coinvolto nelle seguenti attività:

  • Progettazione e implementazione di un sistema integrato di sensori per monitorare lo stato di salute della pianta;
  • Progettazione e implementazione di un sistema informatico per la gestione e fruizione del dato

For more information please contact: Maria Elena Latino (mariaelena.latino@unisalento.it)